Confuso

Tempo stimato di lettura: 1 minuto e 40 secondi.

***

A voler narrare troppo, si finisce per avere fiumi di parole e poca sostanza, la sostanza si perde nella moltitudine degli argomenti trattati.

Così fanno i pensieri.

Quando in troppi affollano la mente.

Quando in troppi premono sulla bocca per mutare in frasi, per farsi espliciti, per farsi parole pronunciate.

Quanti pensieri occupano spazio.

Quante idee accantonate, quante speranze, quante considerazioni fatte, quanto dentro noi celiamo: nascondiamo.

Quanto di tutto questo ci scorre dentro e alla fine, quando arriva il giorno, il momento giusto, non riusciamo a ritrovare, perso nella moltitudine di parole mai dette, solo pensate.

Fossimo stati più sinceri; meno prigionieri.

Meno prigionieri di noi stessi, obbligati a mostrarci come ci volevano gli altri, oppure come avremmo voluto essere noi, non accettando di essere diversi.

Fossimo stati più onesti, con gli altri e con noi stessi, avremmo guadagnato una mente libera.

Saremmo stati liberi di passeggiare nel vuoto lasciato da tutte quelle parole mai dette, mai pronunciate.

Saremmo stati anche meno ipocriti, verso noi e verso il mondo, verso chi si appresta a camminarci al fianco.

Invece tratteniamo tutto, mentiamo; soffochiamo.

Così stipate le nostre idee, soluzioni e considerazioni si fanno stropicciate e quando finalmente siamo pronti a mostrarle al mondo hanno perso la loro forma e sostanza.

A voler narrare troppo, la sostanza si perde in fiumi di parole vuote, questo accade quando ciò che realmente pensiamo; soffochiamo.

Vedete?

È successo anche questa volta, volevo narrare troppo, avevo tanto da dire, tante idee da esporre e mi son perso, alla deriva, queste parole sono vuote, senza senso, senza significato.

Avessi avuto il coraggio di farlo prima, di raccontare quello che mi navigava dentro, ora voi l’avreste colto, capito.

Invece è rimasto solo un concetto sfocato: confuso.

Il giostraio ti propone un brano da ascoltare dopo la lettura.

Lucio Battisti – Confusione:

Un commento su “Confuso

  1. Michele L'Erario

    Com’è vero questo giro!
    Le persone che parlano molto alla fine ti fanno venire solo il mal di testa!
    Troppe parole che scorrono come fiume in piena, alla fine ci vuole un sintetizzatore, fai la sintesi e non trovi niente, proprio perché la sostanza del discorso svanito da questo fiume in piena.
    Alla fine si coglie poco, una cosa la capisci, la futilità di quello che ascolti: ad esempio i discorsi da bar, inutili.
    Personalmente non credo alle persone che parlano troppo, in quello che dicono non trovi mai la verità.
    E poi c’è quello che non “sputa” una parola nemmeno a tirargliela con le pinze: non intraprendono per prima un discorso, risposte asciutte, più delle volte silenziosi.
    Accumulano dentro, finiscono per riempirsi, timorosi di dire come la pensano veramente.
    Parla poco e pensa molto.
    I troppi pensieri finiscono per appesantire la testa, diventano macigni, si diventa schiavi di se stessi.
    Apprezzo tutte le frasi di questo giro perché penso che sia veramente così: alla fine si soffoca con i propri pensieri se questi riempiono totalmente la mente.
    I troppi pensieri non fanno funzionare bene la mente.
    Da una parte se la mente è troppo piena, questa ha difficoltà a trovare le soluzioni, a farsi venire l’idea giusta per risolvere un problema.
    Dall’altra parte, cosa più grave, la mente inizia a sballare, salta tutto, possono venire meno dei punti “fermi”.
    Il detto ” cane che abbaia non morde” la dice lunga!
    Il troppo taciturno non mi convince.
    Come spesso ci diciamo, ci vuole equilibrio, guai a perderlo!
    Giostraia, i discorsi, brevi e ben detti, valgono più di fiumi di parole; chi vuole capire coglie quello che c’è da capire!
    Non voglio aggiungere altro, il tuo giro parla chiaro, chi vuole intendere, intenda.
    È brava a Valentina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.